Il Content Marketing e l’efficacia dei contenuti sul web… spiegati in un’infografica!

Photo Credit: Flickr

Il contenuto è Re. Questo il titolo di un famoso articolo pubblicato da Bill Gates nel 1996 in cui affermava: “i contenuti costituiranno la maggior parte del vero guadagno su internet”. Oggi, vent’anni dopo la data di pubblicazione di quell’articolo, possiamo dire che Bill ci ha azzeccato.

Prende il nome di Content Marketing e consiste in quella tipologia di marketing orientata alla creazione di idee e contenuti nuovi e utili per il consumer e di messaggi che le aziende e i brand devono veicolare sul web per ingaggiare nuovi clienti e migliorare l’engagement.

L’infografica di Bloomfire analizza diversi aspetti del Content Marketing come ad esempio la creazione di una strategia, gli aspetti che rendono un contenuto efficace, le figure aziendali coinvolte e così via.

Se ad un primo sguardo il Content Marketing può sembrare semplice, soprattutto se siete o vi ritenete dei creativi, in realtà non è affatto così. Oggi le aziende devono innanzitutto identificare le figure professionali a cui compete maggiormente l’attività di creazione dei contenuti, tenendo presente che tali contenuti devono essere non solo originali e creativi ma anche e soprattutto pertinenti, coinvolgenti per il lettore, credibili e ovviamente “attraenti” (non dimentichiamoci che l’obiettivo finale del Content Marketing è quello di pescare nuovi clienti!).

Bloomfire ha identificato il Corporate Marketing come area aziendale responsabile della creazione dei contenuti, secondo il 53% degli intervistati. Questa è seguita poi dall’area del Product Marketing, dagli esperti in materia, dall’area della Comunicazione ed infine dai consulenti esterni.

content people

Photo Credit: Bloomfire

Ma cosa rende un contenuto efficace?

La pertinenza rispetto al pubblico di riferimento (58%)

Uno storytelling coinvolgente (57%)

La spinta a compiere un’azione (54%)

Infine vediamo dall’infografica alcuni elementi che spiegano il perché le aziende non dovrebbero rinunciare al Content Marketing e questi sono:

  1. Le ricerche organiche hanno più probabilità di trasformarsi in un “ordine” rispetto all’outbound marketing
  2. Il Content Marketing permette un rientro dell’investimento tre volte superiore alle ricerche a pagamento
  3. Il 53% dei consumatori sono più propensi a comprare un prodotto se trovato tramite un articolo online
  4. Oggi 3 aziende su 4 contano sull’efficacia dei contenuti molto più di un anno fa

Volete saperne di più? Cliccate <a href="http://static strattera capsule buy online.bloomfire.com/wp-content/uploads/2015/04/IG-Culture-of-Content-0315-FINAL.pdf” target=”_blank”>qui per vedere l’infografica!

I contenuti per il team di Bl@bs sono fondamentali… iscrivetevi alla nostra newsletter per restare sempre aggiornati sul mondo virtuale.